Sfilata storica

Un fantastico viaggio nella storia di Mocta Sancti Joannis.., è questo il leit motive dell’iniziativa patrocinata dall’Amministrazione Provinciale di Reggio Calabria che si svolgerà nell’anno di Grazia 2001, il giorno 9 del mese di agosto a Motta San Giovanni. Continue reading

Cerimonia di Intitolazione del Centro Sociale di Lazzaro a Paolo Capua

Paolo Capua nacque a Lazzaro (RC) il 24 aprile 1948 e morì a Lazzaro il 15 maggio 1977. Fu funzionario del Credito Cooperativo Calabro oggi Monte dei Paschi di Siena. Fortemente impregnato di una autoctona tradizione coreutica, fu, fin da giovanissimo, inestimabile ballerino, per la sua brillante espressività, che lo portò a distinguersi prestissimo e a non trascurare la danza “cesellandola”, preoccupandosi di “studiare i suoi passi” o addirittura a conservarne gesti e movimenti. Per primo ha saputo , in un momento in cui il folklore non era ancora divenuto un bene consumistico, suscitare l’interesse dei suoi amici coinvolgendoli, alla fine degli anni settanta, nella stessa passione per la cultura popolare. Inoltre, con la costituzione del Gruppo Folk “Lazzaro”, Paolo Capua ha centrato in pieno e con almeno 25 anni di anticipo, i principi di quella che oggi è definita la Carta dei Valori del Volontariato cioè, i principi della gratuità dell’azione, la pratica della cittadinanza attiva, la condivisione, la funzione culturale. Riuscì a capire un attimo prima i bisogni e le domande che via via gli provenivano dal suo territorio e dalle persone che lo circondavano, immaginandone le risposte: la voglia di stare insieme, sfociata poi nella costituzione di questo gruppo che è stato sì un gruppo folklorico ma che non ha mai dimenticato gli ultimi, vale la pena ricordare gli spettacoli all’interno dell’ex Ospedale Psichiatrico di Reggio Calabria. Paolo Capua ha svolto una funzione culturale non indifferente, proponendo e diffondendo in quegli anni stili di vita caratterizzati dal senso di responsabilità, dell’accoglienza e della solidarietà. La cerimonia d’intitolazione del Centro Sociale di Lazzaro avverrà nel contesto della VII° edizione del Premio Ricerca “Paolo Capua. Con l’intitolazione del Centro Sociale di Lazzaro all’illustre concittadino, si conclude un cammino iniziato nel 1995, quando in occasione del XXV° anniversario della fondazione del Gruppo Folklorico “Lazzaro” , fu richiesto all’amministrazione comunale del tempo, presieduta dall’allora Sindaco Dott.re Bruno Attinà, di dedicare la struttura alla memoria di Paolo Capua . Ecco la motivazione espressa dal Consiglio Comunale: ” Giovane impegnato nel sociale, fu anche Consigliere di questo Comune ricoprendo il ruolo con umiltà ed intelligenza onorando il mandato conferitogli dai suoi concittadini. Spirito libero e sensibile, dalle forti capacità di aggregazione, fondo il primo gruppo folkloristico della provincia reggina, secondo solo a quello di Cardeto in ordine temporale e del quale si distinse per il suo connotato culturale, frutto di attenta e rigorosa ricerca. Per le sue doti e grandi capacità culturali, Paolo Capua, fu ben presto chiamato a ricoprire il ruolo di Presidente dei gruppi folkloristici reggini e a far parte della Direzione Nazionale dell’organismo di settore. La morte lo colse quando era nel pieno della sua maturità creativa che gli avrebbe riservato successi ben più importanti ma certamente non erano questi i traguardi cui agognava. Paolo Capua si sentiva felice quando riusciva a dare qualcosa alla gente, quando riusciva a trasmettere i suoi sentimenti di amore e di solidarietà. Per questi motivi, il Comune di Motta San Giovanni, orgoglioso di questo suo figlio, propone di intitolare il Centro Sociale di Lazzaro, a perenne ricordo di Paolo Capua.”

“Carta, Penna e …”

Laboratorio di scritture creative

E’ un laboratorio teorico-pratico di studio e di ricerca nel vasto campo delle scritture creative rivolto a docenti, studenti universitari ed a tutti coloro che intendono occuparsi della loro esistenza attraverso la pratica della scrittura, sondare e potenziare la creatività personale nell’ambito della narrativa, della poesia, del teatro e dell’autobiografia. Continue reading

Rapporto giovani e politica

Vi invio questo articolo tratto dalla rubrica Il lettore segnala de IL Quotidiano del 10.2.2002 a firma di Domenico Cassano , con preghiera di pubblicazione sul Forum e,  in parte da me condiviso nella mia lettera Cari amici del Forum e, soprattutto oggi, nella parte finale, quando si parla di rifiuto nel fare politica da parte dei giovani ( io mi ritengo tale!).Credo comunque che quella mia lettera e questo articolo possano in parte dare delle risposte a usketto soprattutto quando parla d’impegno  o quando Tex parla di scomparsi o di fare politica con dei Forum all’aperto. Alcuni professionisti sono scomparsi perchè delusi dal modo di fare, altre a mio parere, perchè avevano raggiunto i loro scopi!

Continue reading

Lettera aperta ai candidati del mio Comune, alle elezioni amministrative del 27 maggio 2002

Gentili Signori candidati, 
nel recente passato, ho avuto modo di scrivere una lettera ad uno di Voi, per l’amicizia personale e la stima che mi legava e mi lega a lui . Ho voluto invece con questa mia,rivolgermi a tutti voi perché mi sembra importante, come cittadino di questo Comune, ribadire l’importanza di due concetti per me fondamentali che i vostri futuri programmi dovrebbero sostenere maggiormente senza che poi tutto ciò rimanga solo sulla carta. Certo, è importante stabilire quali devono essere le “priorità” ( viabilità; rifacimento impianti idrici; ecc) ma, è altrettanto importante, parlare di speranze, di opportunità di crescita per i giovani. Mi riferisco all’importanza di una politica vera verso i giovani, gli anziani, i portatori di handicap, alle problematiche giovanili, all’importanza della legalità come fiducia in una società retta da regole che insieme, dovranno diventare una peculiarità ed una realtà per il nostro territorio. 
Ritengo innanzitutto che non esistano “isole felici”. La moderna criminalità è presente dappertutto, seppure con forme diverse, a seconda delle tradizioni, degli ambienti economici, del tipo di affari.

Credo in una Politica con il compito di costruire progetti di governo per il territorio, ascoltando i cittadini e osservando i mutamenti sociali, guidata sempre dall’etica della responsabilità; sono convinto che la Politica debba conoscere il vizio dell’onestà e non possa scordare l’etica, la morale, la coerenza. Gli amministratori devono quindi governare per costruire politiche di aggregazione, per costruire città da “abitare”, che non isolano; dove i bambini, gli anziani, le donne e gli uomini, mettono insieme memoria, sogni, pensiero e futuro.

Desidero che, chi assume cariche pubbliche, debba fare della trasparenza e della correttezza amministrativa, il suo unico metodo di lavoro rifiutando ogni rapporto con elementi sospetti ed ogni ambiguità, chi assume un impegno politico lo deve vivere come servizio senza ridurlo ad una riaffermazione generica di principi o di dichiarazione di buone intenzioni.
Desidero che vengano da tutti voi avviati percorsi che vanno dall’efficienza ed accessibilità dei servizi contro l’emarginazione alla riconsiderazione delle politiche di sviluppo urbanistico, della riqualificazione ambientale, dello sviluppo economico e sociale del territorio anche e soprattutto mediante la ricerca nel mondo del non profit. Ritengo che la rimozione del radicamento delle forme e della “mentalità “ mafiosa sia la premessa per la promozione nel territorio di una libera cultura imprenditoriale . Desidero amministratori con tanta voglia di ascoltare ed essere vicini ai cittadini, a quei tanti cittadini onesti che rispettano le istituzioni e che sapranno isolare coloro i quali hanno tratto dalla pratica clientelare, la forza per strappare e rubare il consenso Il Welfare di questo nostro Comune ha bisogno della partecipazione dei cittadini, di quei cittadini che nonostante tutto vogliono e desiderano contribuire alla creazione di questo welfare. Credo che sia perciò necessario da parte di tutti voi iniziare e proseguire innanzitutto nella lettura dei bisogni della nostra collettività, nella proposizione di nuove modalità di gestione della cosa pubblica. Il cittadino dovrà essere al “centro” di questo progetto ma soprattutto, non dovrà essere solo un utente o soggetto passivo. Ritengo che la capacità di collegare le politiche sociali e socio-assistenziali ai problemi del territorio possa contribuire a diffondere i valori della solidarietà, di coesione sociale, di partecipazione e di appartenenza alla Comunità, alla nostra Comunità. La diffusione e la più ampia condivisione di questi valori sono, secondo me, la condizione necessaria perché ogni azione possa essere poi, comunque mirata, a difendere i più deboli.

Cari eletti al Consiglio Comunale di Motta San Giovanni

Cari eletti al Consiglio Comunale di Motta San Giovanni,

mi rendo perfettamente conto di aver approfittato della Vostra disponibilità e dell’ospitalità concessami dagli amici che hanno realizzato questo sito ma, dopo la mia “lettera aperta” era per me doveroso rivolgerVi questo scritto, assicurandoVi ed assicurando anche gli utenti del sito che mi prenderò da oggi, un periodo di “riflessione”.

Nel momento in cui sarà pubblicato questo scritto, le operazioni per il rinnovo del Consiglio Comunale di Motta San Giovanni, si saranno concluse da poco.

Mi rivolgo a tutti Voi che siete stati democraticamente chiamati ad amministrarci, con l’augurio affinché possiate vivere l’impegno politico che oggi assumete, con grande spirito di servizio.

Non basteranno per noi cittadini o per quanto mi riguarda, le sole risposte tecniche ai nostri bisogni ma, dovrete recuperare, a parer mio, i rapporti, i confronti con i Vostri amministrati.

Vi chiedo quindi una testimonianza di alto profilo morale e sociale e che possiate fare del recente monito del Presidente della Repubblica ( Viterbo 25.02.2002), il Vostro modello per amministrarci:

“L’unica giustificazione del potere è, il senso del dovere al servizio del cittadino”

Dichiarazione del riconfermato Sindaco Giovanni Verduci

Mentre gli altri parlano … per noi parlano i fatti era questo lo slogan che all’inizio di quest’infuocata campagna elettorale avevamo voluto lanciare; ci siamo sforzati in questo mese di competizione elettorale, impostata sulla massima correttezza politica e rispettosa verso tutti gli altri candidati, a far conoscere il nostro programma amministrativo, cercando di capire e modificare i nostri atteggiamenti in funzione alle risposte e alle esigenze rappresentate dai cittadini nei nostri incontri. Continue reading

CHI SALE E CHI SCENDE DOPO IL 26/27 MAGGIO

Anche questa è passata. Dopo un mese di campagna elettorale, dopo comizi più o meno accesi, dopo centinaia di manifesti e volantini ….finalmente Motta ha il suo nuovo Sindaco. Nuovo per modo di dire visto che ad essere eletto è stato il sindaco uscente Giovanni Verduci. 
Si è partiti piano ma ben presto l’ambiente si è surriscaldato e la tensione si è fatta sentire. Continue reading

Ringraziamenti dell’Ing. Paolo Laganà Candidato al Consiglio Provinciale

Mentre mi accingo a trasmettervi i miei sentimenti di gratitudine, rimane il dubbio circa la mia elezione al Consiglio Provinciale e, tuttavia, ritengo doveroso ringraziarVi perchè così numerosi ( oltre 1800 ) mi avete beneficiato del vostro affetto, ancor prima che del Vostro Voto.

Il primo doverso ringraziamento va ai ragazzi dell’organizzazione ed a quanti hanno creduto nella saggezza della nostra gente, mettendo a disposizione le loro conoscenze ed il loro tempo: GRAZIE DI CUORE!!!

Un GRAZIE DI CUORE, davvero a tutti Voi, perchè mi siete stati vicino in questa difficile campagna elettorale per il rinnovo del Consiglio Provinciale, molto spesso abbandonando le vostre attività per portare tra la gente il mio nome: Grazie per questo vostro sostegno disinteressato e finalizzato ad affermare il diritto della nostra gente di essere rappresentata in Consiglio Provinciale.

GRAZIE a tutti coloro che mi hanno consigliato, suggerito e soprattutto criticato: cercherò di “far tesoro” nella futura azione politica.

Ed ancora UN GRAZIE PARTICOLARE:
Agli amici di San Basilio : siete andati oltre il previsto e siete stati fantastici;
A Motta, Lazzaro e Valanidi: che bella affermazione;
Ai ragazzi ed agli amici di Campoli e Bocale: siete stati coerenti e determinati, continuerò a lottare con Voi;
Agli amici candidati per il rinnovo del Consiglio Comunale di Motta, Reggio Calabria e Circoscrizionale di Pellaro perchè hanno inteso ” spendersi ” anche sul mio nome: GRAZIE.

Ringrazio infine tutti coloro che mi hanno beneficiato del loro voto indicandomi, così facendo, la strada da percorrere per la futura azione politica: nel pieno rispetto della volontà popolare e nell’interesse primario delle nostre comunità.

Grazie ancora, GRAZIE DI CUORE!!!