Istituto Comprensivo: Bando

RENDE NOTO

Che nell’ambito delle iniziative del Programma Operativo Nazionale “ LA SCUOLA PER LO SVILUPPO” annualità 2005/06 – elaborato dal MINISTERO della PUBBLICA ISTRUZIONE per il sostegno alla innovazione del sistema scolastico del Mezzogiorno (P.O.N. 1999 IT O5 1 PO 013) e cofinanziato dall’Unione Europea – Misura 3 – Azione 3.1“ INTERVENTI DI PREVENZIONE E RECUPERO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA DI ALUNNI DELLA SCUOLA DI BASE…”

VERRA’ REALIZZATO, PER GLI ALUNNI INTERNI, UN PROGETTO ARTICOLATO IN 3 MODULI FORMATIVI COME DI SEGUITO SPECIFICATI:

MODULO 1:  UN TESORO…IN UN BORGO” 
DESTINATARI: Alunni classi IV e V scuola Primaria di Motta S.G. 
ARTICOLAZIONE: N° 60 ore di attività distribuite in incontri pomeridiani (ogni giovedì) della durata di 3.00 ore ciascuno.

MODULO 2 : VALORE E VALORI DI…UN TERRITORIO 
DESTINATARI: Alunni classi I e II scuola secondaria di I° grado Motta S.G.
ARTICOLAZIONE: N° 60 ore di attività distribuite in incontri pomeridiani (ogni giovedì) della durata di 3.00 ore ciascuno.

MODULO 3 : “ TESSERE IL DOMANI CON ARTE” 
DESTINATARI: Alunni classi I e II scuola secondaria di I° grado Lazzaro
ARTICOLAZIONE: N° 60 ore di attività distribuite in incontri pomeridiani (ogni giovedì) della durata di 3.00 ore ciascuno

NELLA PREDETTA ATTIVITA’ FORMATIVA SONO COINVOLTI ANCHE I GENITORI DEGLI ALUNNI I GENITORI PARTECIPANTI AI MODULI DI SEGUITO SPECIFICATI VERRANNO INCENTIVATI ECONOMICAMENTE CON UN IMPORTO PARI A EURO 7,75 PER OGNI ORA DI PRESENZA

MODULO 4: “ GENITORI ALUNNI 1° MODULO
“GENITORI E FIGLI A SCUOLA” 

DESTINATARI: N.20 Genitori degli alunni iscritti al percorso formativo del MODULO 1 
ARTICOLAZIONE: N.11 ore di attività distribuite in incontri pomeridiani di 2,45 ore ciascuno.

MODULO 5 : “ GENITORI ALUNNI 2° MODULO “
“GENITORI E FIGLI A SCUOLA” 
DESTINATARI: N.20 Genitori degli alunni iscritti al percorso formativo del MODULO 2 
ARTICOLAZIONE: N.11 ore di attività distribuite in incontri pomeridiani di 2,45 ore ciascuno. 

MODULO 6: “ GENITORI ALUNNI 3° MODULO
“GENITORI E FIGLI A SCUOLA” 

DESTINATARI: N° 20 Genitori degli alunni iscritti al percorso formativo del MODULO 3
ARTICOLAZIONE: N° 11 ore di attività distribuite in incontri pomeridiani di 2.45 ore ciascuno.

MODULO 7:
 ATTIVITA’ DI FORMAZIONE GENITORI
DESTINATARI : N° 60 Genitori degli alunni iscritti ai percorsi formativi dei Moduli 1,2 e 3
ARTICOLAZIONE : N° 9 ore di attività distribuite in incontri pomeridiani di 3 ore ciascuno.

Coloro che, in possesso delle competenze di seguito sintetizzate, aspirano ad un’eventuale nomina in qualità di “ESPERTI” nei corsi sopra specificati, dovranno far pervenire all’ISTITUTO, entro e non oltre il 10/10/2005 apposita istanza corredata da CURRICULUM – VITAE da redigersi sul Modello Europeo da ritirare presso gli Uffici di Segreteria dell’ISTITUTO medesimo.

COMPETENZE “ ESPERTI”


MODULI 1 e 4 :

A) CONOSCERE LE METODOLOGIE DI FUNZIONAMENTO DI UN GRUPPO
B) SAPER “LEGGERE” E STRUTTURARE L’AMBIENTE A FINI EDUCATIVI
C) STIMOLARE CAPACITA’ PROGETTUALI RELATIVE ALL’ORGANIZZAZIONE DI ATTIVITA’ LUDICHE;
D) MOTIVARE ED ANIMARE UN GRUPPO CON PROPOSTE ORIGINALI, CREATIVE E COINVOLGENTI.

MODULI 2 e 5 : 

A) CONOSCERE E SAPER UTILIZZARE STRUMENTI MUSICALI PROPRI DELLA TRADIZIONE POPOLARE
B) SAPER ORGANIZZARE E DIRIGERE UN CORO
C) MOTIVARE ED ANIMARE UN GRUPPO CON PROPOSTE ORIGINALI, CREATIVE E COINVOLGENTI.

MODULI 3 e 6 : 

A) POSSEDERE CONOSCENZE DI ECONOMIA AZIENDALE E MARKETING
B) SAPER STIMOLARE CAPACITA’ PROGETTUALI RELATIVE ALL’ORGANIZZAZIONE DI UNA COOPERATIVA ED ALLA PUBBLICIZZAZIONE E VENDITA DI PRODOTTI
C) MOTIVARE ED ANIMARE UN GRUPPO CON PROPOSTE ORIGINALI, CREATIVE E COINVOLGENTI.

MODULO 7 : 

A) SAPER ORGANIZZARE INCONTRI-CONFERENZE SEGUITI DAL DIBATTITO, FINALIZZATI A RENDERE CONSAPEVOLI I GENITORI RIGUARDO:
 LE PROBLEMATICHE ADOLESCENZIALI
 IL RUOLO GENITORIALE
 L’IMPORTANZA DELLA SCUOLA COME LUOGO DI PREVENZIONE.

IL COMPENSO ORARIO PER GLI ESPERTI E’ PARI A € 56,81

Per informazioni rivolgersi alla Segreteria dell’Istituto Comprensivo di MOTTA S. GIOVANNI 
(Ass. Amm.va) MIRELLA TRIPODI – Tel. 0965/712051

IL DIRETTORE S.G.A. 
(Giuseppe Scordo)

ProLoco: COMUNICATO STAMPA

Lazzaro 29 Settembre 2005
Prot. 55/2005

Spett.li Redazioni di:

Gazzetta Del Sud
Il Quotidiano della Calabria
Il Domani
Telereggio
Reggio TV
Telespazio Calabria
Radio Studio 95 – Melito P.S.
Radio Touring 104 – RC

COMUNICATO STAMPA

La Legge 31 Luglio 2005, n.159 (G.U. 12 agosto 2005), istituisce per il 2 ottobre di ogni anno la FESTA NAZIONALE DEI NONNI, allo scopo di conferire la dovuta importanza al ruolo svolto dai nonni all’interno delle famiglie e della società in generale”.
Con questi propositi, l’Associazione Eureka, la Compagnia Teatrale Lazzarese, , l’Associazione Turistica ProLoco del Comune di Motta San Giovanni, l’UNPLI Unione Nazionale ProLoco d’Italia, tutti appartenenti al Forum Permanente del Terzo Settore, hanno promosso per domenica 02 ottobre, alle ore 16,00 , presso Il Centro Sociale “Paolo Capua” di LAZZARO, la prima Festa Nazionale dei Nonni.
Sarà un momento di festa allietato dalla Compagnia Teatrale Lazzarese che renderà “attori e protagonisti” i nostri nonni, esaltando l’importanza del loro ruolo svolto all’interno delle famiglie e della società. Ma, il perseguimento degli impegni assunti da ogni singola associazione e sanciti dal nostro patto associativo costituente, dal programma del Forum, saranno il filo conduttore di ulteriore momento di riflessione, di una iniziativa all’interno dell’iniziativa. D’intesa con la Presidenza nazionale del Fondo Italiano Abbattimento Barriere Architettoniche, celebreremo nel nostro territorio il III° FIABADAY ( Giornata nazionale abbattimento delle barriere architettoniche) e contestualmente, promuoveremo una raccolta di fondi per l’istituzione del I° Fondo comunale FIABA. Istituire il fondo comunale FIABA significa investire in un futuro migliore e quindi offrire maggiore fruibilità al quotidiano di ogni singolo cittadino. Confrontarsi con le barriere, riguarda tutte le categorie delle persone. Pensiamo alla nascita di un essere umano e a quante strutture sono state progettate per accogliere le mamme in gravidanza ma anche alle esigenze di un bambino piccolo ( pensiamo solamente ai bagni attrezzati per il cambio dei pannolini); pensiamo al tempo libero, a questo bene immateriale non sempre accessibile a tutti; allo sport, allo sport per tutti; allo studio come apprendimento, alla possibilità di “studiare tutti”, alla possibilità che la trasmissione di conoscenze possa coinvolgere l’abbattimento delle barriere tra le persone, tra le razze, tra le culture e tra le religioni, alla consapevolezza che non creare più barriere significa ridurre quelle esistenti. La Presidenza nazionale FIABA ha quindi ritenuto opportuno celebrare contestualmente il III° FIABADAY con la I° Festa Nazionale dei nonni, una fascia di persone più penalizzata dalla presenza di barriere fisiche e culturali.

Convegno: Le celle a combustibile dalla teoria alle applicazioni commerciali

Giorno 16/12/2005 si terrà a Melito Porto Salvo, presso l’aula magna del Liceo Classico “G. Familiari”, il convegno dal titolo: Le celle a combustibile dalla teoria alle applicazioni commerciali. 
Il convegno è patrocinato dalla Provincia di Reggio Calabria, dal Comune di Melito Porto Salvo e dal Comune di Roghudi. 
Per una presentazione più dettagliata dell’evento:

Invito presentazione libro “La dottrina morale superiore di J.G. Fichte” del prof. Giovanni Cogliandro

Domenica 12 marzo, presso la sala convegni del ristorante l’Accademia di Lazzaro, con inizio alle ore 17:30, l’associazione turistica ProLoco del comune di Motta San Giovanni e l’Istituto Italiano per gli Studi Filosofici presentano “La dottrina morale superiore di J.G. Fichte” del prof. Giovanni Cogliandro.

Continue reading

ProLoco: Convocazione Assemblea Ordinaria dei Soci

Lazzaro 14 Marzo 2006
prot. 05/2006

Preg.mi/e Sigg.ri/e SOCI
LORO SEDI

Preg.mo Sindaco del
89065 Comune di Motta San Giovanni

Spett.le A.P.T. di
89122 Reggio Calabria

Spett.le Provincia di Reggio Calabria
Assessorato al Turismo
89127 Reggio Calabria

Spett.le Regione Calabria
Assessorato al Turismo
88100 CATANZARO

Oggetto: Convocazione Assemblea Ordinaria dei Soci. 

Per sabato 25 Marzo c.a. alle ore 18,00 in prima convocazione ed alle ore 18,30 in seconda convocazione, presso il Centro Sociale “Paolo Capua” di LAZZARO, è convocata l’Assemblea Ordinaria dei Soci per discutere e deliberare sul seguente O.d.g.:

1) Lettura ed approvazione verbale seduta precedente;

2) Presentazione nuovi Soci all’Assemblea;

3) Discussione ed approvazione Bilancio Consuntivo 2005;

4) Consulta delle Associazione della comunità Montana Versante dello Stretto;

5) Interventi programmati.

Questa convocazione, viene inoltrata esclusivamente per via elettronica a coloro che hanno comunicato il proprio indirizzo di posta elettronica.
Confidando nella puntualità e presenza di tutti, colgo l’occasione per inviarVi Cordiali Saluti.

Massimo Cogliandro
Presidente ProLoco del Comune di
Motta San Giovanni

L’artigianato

L’artigianato del territorio di Motta San Giovanni va di pari passo a quello di tutte le civiltà che si affacciano sul Mediterraneo; è basato soprattutto sulla costruzione di oggetti semplici, volti a soddisfare bisogni elementari. Continue reading

La cucina

La cucina del territorio di Motta trae le proprie origini dalla tradizione gastronomica mediterranea. Si tratta di piatti semplici o addirittura poveri, in cui gli aromi costituiscono una componente rilevante insieme all’olio di oliva che rappresenta il principale condimento. Continue reading

Sul nome del Paese

Intorno al 1500 feroci bande di turchi assalirono spesso Motta. Gli abitanti si difendevano lanciando acqua ed olio bollente dalle mura della fortificazione. La sconfitta definitiva dei turchi fu dovuta ad un cavaliere di nome Giovanni che combatté strenuamente per difendere il paese. Per gli abitanti quel cavaliere non poteva che essere un Santo (San Giovanni) e dunque chiamarono il paese Motta San Giovanni.

Una famiglia rapita

Il cavaliere Giovanni in una battaglia lasciò in vita solo due saraceni uno con un solo braccio e l’altro con una sola gamba allo scopo di far capire al Sultano che non si poteva sconfiggere Motta. Allora il Sultano impaurito, per desiderio del prode cavaliere, rilasciò una famiglia composta da padre, madre e sette figli che era stata rapita in una precedente scorreria. La donna quando fu liberata disse ai turchi che minacciavano di riprenderla: “‘on mi pigghiati chiù,ora mindivaiu mi staiu chiù supra dundi cantunu i cucchi”, che significa: “non mi prenderete più, ora andrò a stare più in alto di dove si sentono cantare i gufi”.

La distruzione di Santo Niceto

Santo Niceto era stata circondata dagli eserciti alleati dei Reggini, di Motta dei Mori e di Motta Sant’Agata, ma i nemici non riuscivano a irrompere all’interno della fortezza.

Dopo due anni gli avversari ebbero il sopravvento grazie ad uno stratagemma. Infatti, un soldato nemico, di nome Gabbadio, si travestì da frate e, con la scusa di dover portare l’Estrema Unzione ad un nicetino ammalato, si fece aprire le porte e si introdusse nel castello mentre infuriava una violenta tempesta.

Calata la notte i nicetini allentarono la guardia ed il finto frate ne approfittò per aprire le porte e far entrare nel castello i suoi compagni che fecero una strage.

Solamente pochi abitanti del castello riuscirono a scappare, grazie ad un passaggio segreto che portava dove oggi sorge il rione Suso.

Storia religiosa

Per quanto riguarda l’aspetto religioso, Motta San Giovanni apparteneva all’ambito greco-ortodosso, nel 1595 si contavano 19 sacerdoti di cui due di rito latino; una cosa un poco strana è che uno di quest’ultimi era anche Protopapa.

Continue reading